Berlusconi: avevamo ragione noi!

I numeri sono allarmanti: si prevedono 200.000 sbarchi entro il 2017 e, notizia di questi giorni, forse 5.000 sono le unità che andranno collocate solo in Piemonte.

E’ quindi attuale l’intervento di ieri sera, su Facebook, di Silvio Berlusconi, a commento dei recenti sviluppi nati dall’incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Paolo Gentiloni  ed il Premier libico Fayez al Serraj, il quale ha chiesto all’Italia di disporre l’intervento di forze militari italiane sulle coste libiche al fine di disincentivare le partenze dei migranti.

Lo riporto integralmente, per opportuna conoscenza di tutti.

“Il nostro governo era riuscito, stipulando accordi bilaterali con i Paesi della sponda sud del Mediterraneo, prima fra tutti la Libia di Gheddafi, a impedire che i migranti partissero dall’Africa e quei pochi che riuscivano a farlo – appena 4000 in tutto il 2010 mentre quest’anno ne sono già sbarcati 94444 – venivano prima soccorsi e poi riaccompagnati nei Paesi di origine. L’accordo con le autorità libiche era e resta quindi l’unica soluzione per fermare, almeno nell’immediato, le partenze, disponendo lungo le coste un numero adeguato di mezzi e uomini per contrastare all’origine l’attività criminale dei trafficanti di esseri umani.

Se dopo sei anni i governi della sinistra hanno finalmente capito che questa è la strada giusta da seguire per bloccare l’arrivo di immigrati sulle nostre coste, siamo i primi a compiacercene. Abbiamo sempre manifestato la nostra disponibilità, in virtù della nostra esperienza, a dare una mano al Governo, che però nonostante le dichiarazioni di buona volontà, ha preferito fin qui continuare su una strada sbagliata. Quando il Presidente del Consiglio Gentiloni martedì andrà alle Camere per riferire i dettagli della collaborazione con la Libia per il contrasto all’immigrazione, verificheremo senza pregiudizi se sarà concreto, fattibile e in linea con la politica rigorosa seguita da sempre dai governi di centrodestra. Forza Italia è sempre dalla parte degli Italiani, a prescindere da quale partito sia pro-tempore al Governo.”

This entry was posted in Accadde in Italia e nel mondo. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *