Alessandria ostaggio della disperazione?

La notizia, di questi giorni, della chiusura di “compro oro” e sale gioco da parte della Questura alessandrina pone una domanda, al di là degli aspetti criminali della questione: cosa si è fatto per disincentivare chi vende i preziosi di famiglia per disperazione o spende il poco denaro alla ricerca di improbabili vincite che risolvano lo stato di bisogno? Lavoro e sicurezza sono le medicine di questa malattia che colpisce la nostra città.

This entry was posted in elezioni 2017. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.